Forte Corbin

Forte Corbin, si trova sull’altopiano di Asiago, a quota 1096. Forte Corbin aveva la funzione di controllare la sottostante valle dell’Astico assieme al dirimpettaio Forte Casa Ratti.

Forte Corbin fu costruito negli anni 1906 – 1912. Forte Corbin, sparò il terzo colpo di cannone la notte del 24 maggio 1915. Forte Corbin durante la Guerra dei forti non fu mai colpito dalle artiglierie nemiche. 

Solamente nel corso della Strafexpedition, a fine maggio 1916 Forte Corbin, fu occupato dalle truppe austroungariche. Fino ad ora l’unico studio sul Forte Corbin è Il difensore della val d’Astico: il forte di Punta Corbin. La storia costruttiva e bellica di un’opera permanente della grande guerra, Temi, Trento, 2010.  

Il volume, con le prefazioni del generale Enrico Pino, Comandante del Comando Militare Esercito Veneto, del generale Carlo Maria Magnani Presidente dell’Istituto del Nastro Azzurro e del direttore di Uniformi e Armi Furio Lazzarini, tratta della storia del forte di Punta Corbin.

Il libro, 2° della collana storica Le Sentinelle di Pietra, analizza nel dettaglio la storia dei piani operativi, dell’evoluzione dell’architettura militare attraverso i secoli, soffermandosi sul modello costruttivo Rocchi utilizzato, la costruzione utilizzando documentazione dello spionaggio austroungarico, infine la prova del fuoco durante il conflitto mondiale.

Il capitolo centrale è quello delle operazioni belliche: si tratta nel dettaglio, giorno per giorno i colpi sparati dalla batteria nel periodo maggio – luglio 1915, il periodo successivo e l’occupazione austroungarica del maggio 1916, quando nel corso della battaglia del Cengio, ci fu la morte in un combattimento dell’irredento triestino Carlo Stuparich, medaglia d’oro al valor militare alla memoria. 

A corredo del volume, ci sono molto cartine e schizzi inediti che seguono lo sviluppo dei lavori di costruzione della fortificazione, ma anche le operazioni militari e della vita dei militari all’interno di Punta Corbin.